Bandi e agevolazioni per le imprese a marzo 2023

Indice

Bandi e agevolazioni PMI 2023 | Sportello Digitale | Quali sono i bandi e le agevolazioni

Il 2023 si prospetta come un anno ricco di opportunità per le piccole e medie imprese (PMI) lombarde e nazionali che desiderano investire in innovazione, sostenibilità e formazione del personale.

Grazie a vari bandi e agevolazioni messe a disposizione da istituzioni pubbliche e private, queste aziende potranno beneficiare di finanziamenti agevolati per i loro progetti.

Quali sono i Bandi attivi di cui le imprese possono beneficiare?

Bandi e Agevolazioni PMI Lombarde
[ torna al menu ]

Bandi e Agevolazioni PMI 2023 | Sportello Digitale | Tutti i bandi e le agevolazioni per le PMI Lombarde

Bando “Ricerca & Innova”

La Regione Lombardia ha lanciato il bando “ricerca&innova” per sostenere gli investimenti in ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione di processo delle PMI lombarde, anche nell’ambito della trasformazione digitale.

L’agevolazione copre fino al 100% delle spese ammissibili, con il 70% sotto forma di finanziamento agevolato e il restante 30% sotto forma di contributo in conto capitale.

Il contributo può arrivare al 40% per i progetti green e al 35% per quelli presentati da start-up e PMI innovative.

Le PMI, regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle Imprese con almeno due bilanci approvati, possono presentare la domanda.

Il bando sarà aperto ciclicamente fino al 2027 e i progetti devono rientrare nelle macro-tematiche della Strategia di Specializzazione intelligente per la Ricerca e l’Innovazione di Regione Lombardia.

Bando verso la certificazione della parità di genere

Il bando “verso la certificazione della parità di genere” promosso da Unioncamere Lombardia mira a sostenere le micro, piccole e medie imprese lombarde nella loro strada verso la certificazione della parità di genere.

Sono ammissibili le imprese con sede operativa attiva in Regione Lombardia, iscritte al Registro delle imprese della Camera di Commercio e con almeno un dipendente.

L’agevolazione consiste in contributi per servizi di consulenza specialistica finalizzata all’impostazione di un sistema di gestione per la parità di genere e a copertura dei costi sostenuti dalle imprese per ottenere la certificazione.

La dotazione finanziaria è di 10 milioni di euro e il contributo pubblico erogato non può superare l’80% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 9.000 euro.

Il bando ha aperto il 1/2/2023 e rimarrà aperto fino al 13/12/2024, con procedura a sportello.

Prenota uno Sportello e vediamo come fare insieme questo bando.

Bando formare per assumere

Unioncamere Lombardia ha aperto il bando Formare per assumere, volto a sostenere le micro, piccole e medie imprese lombarde nel colmare il divario di profili e competenze in fase di assunzione tramite l’erogazione di contributi per servizi di consulenza specialistica finalizzata all’impostazione di un sistema di gestione per la parità di genere e a copertura dei costi sostenuti dalle imprese per ottenere la certificazione.

I soggetti destinatari sono datori di lavoro aventi sede in Lombardia appartenenti a diverse categorie, tra cui le imprese iscritte al Registro Imprese della Camera di Commercio, gli Enti del Terzo Settore, i lavoratori autonomi e le associazioni.

L’agevolazione concessa a fondo perduto può raggiungere un massimo di € 8.000 per l’occupazione, un incentivo a copertura parziale del costo del lavoro sostenuto per 12 mesi e un voucher del valore massimo di € 3.000 a copertura delle spese per la formazione.

Le risorse destinate alla seconda finestra del bando per l’anno 2024 ammontano a € 5.205.079. La procedura è a sportello e lo stesso rimarrà aperto fino al 13/12/2024.

Bando Formazione continua

Il bando Formazione continua, promosso da Unioncamere Lombardia, ha l’obiettivo di sviluppare le competenze professionali dei lavoratori in azienda, con l’assegnazione di voucher per corsi di formazione selezionabili dal Catalogo regionale della formazione continua.

I destinatari dell’agevolazione sono le imprese aventi sede in Regione Lombardia, tra cui le imprese iscritte alla Camera di Commercio, gli Enti del Terzo Settore, le associazioni riconosciute, le fondazioni e i liberi professionisti.

Sono ammissibili le spese relative alla formazione obbligatoria generale e specifica in materia di sicurezza, formazione e aggiornamento per le professioni/figure regolamentate e/o abilitanti, e la formazione obbligatoria prevista per i contratti di apprendistato.

Il valore massimo dei voucher formativi aziendali destinati a ciascun lavoratore/libero professionista è di € 2.000 per annualità solare.

La dotazione finanziaria del bando per l’annualità 2024 ammonta a € 15.536.959, e la procedura di richiesta dell’agevolazione è a sportello, con apertura dal 12 dicembre 2022 fino ad esaurimento delle risorse, ma comunque non oltre le ore 17:00 del 28 novembre 2024.

Bandi e Agevolazioni nazionali
[ torna al menu ]

Bandi e Agevolazioni PMI 2023 | Sportello Digitale | Tutti i bandi e le agevolazioni per le PMI Italiane

L’attuale contesto di crisi economica causato dalla pandemia ha spinto il governo italiano ad adottare una serie di misure di sostegno alle imprese, tra cui bandi e agevolazioni nazionali.

Vediamo nel dettaglio quali sono e come se ne può fare richiesta.

Credito d’imposta per l’acquisto di materiali riciclati

Questa misura mira a incrementare il riciclaggio delle plastiche miste e degli scarti non pericolosi dei processi di produzione industriale e della lavorazione di selezione e di recupero dei rifiuti solidi urbani, in alternativa all’avvio al recupero energetico, nonché a ridurre l’impatto ambientale degli imballaggi e il livello di rifiuti non riciclabili derivanti da materiali di imballaggio.

Il credito d’imposta concesso è pari al 36% per l’acquisto di materiali riciclati, con un limite massimo annuale di € 20.000.

Tale bando prevede una proroga per il “Credito d’imposta per acquisto di energia elettrica e gas naturale” anche per il primo trimestre del 2023, con un incremento delle misure.

I crediti d’imposta sono riconosciuti in misura pari al 45% per le imprese energivore e alle imprese che non utilizzano gas e al 35% per le imprese non energivore dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 4,5 kW.

Tali crediti d’imposta sono utilizzabili in compensazione nel modello F24 entro il 31 dicembre 2023 e sono cedibili solo per intero dalle medesime imprese beneficiarie ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari, senza facoltà di successiva cessione.

In conclusione
[ torna al menu ]

I bandi che abbiamo visto insieme in questo articolo rappresentano un’opportunità enorme per le PMI, che possono approfittare delle agevolazioni per investire in un progetto di valore.

Noi ti supportiamo nella creazione di un progetto che apre la possibilità di usufruire di un bando per ottenere le relative agevolazioni.

Se credi che la tua azienda possa ottenere dei benefici per uno di questi bandi, contattaci!
Sapremo indicarti quello più adatto alla tua situazione e ti supporteremo nello sviluppo del progetto correlato, partendo dalla prenotazione di uno Sportello.

Hanno contribuito alla stesura di questa guida: