Finanza Agevolata: l’ingegno dalla parte delle Piccole Medie Imprese

Indice

La finanza agevolata non è una passeggiata. È difficile districarsi nella giungla burocratica fatta di occasioni (bandi, contributi a fondo perduto, voucher), ma che richiedono una conoscenza della materia molto approfondita.

Abbiamo nominato l’ingegno, inteso come “principio attivo dell’intelligenza”; non a caso nell’intervista al nostro associato Fingenium – che ha fatto dell’ingenium (in latino) il suo punto di forza – capiamo quanto sia importante comprendere e saper sfruttare gli strumenti finanziari pubblici per le PMI.

Finanza Agevolata: partiamo dal PNRR

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) è il più grande intervento di Finanza Agevolata e ha come obiettivo il rilancio dell’economia del Paese. Il Piano si inserisce all’interno del programma Next Generation EU (NGEU) e prevede investimenti pari a 191,5 miliardi di euro.

Possiamo riassumere il PNRR in 6 punti:

  • Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo.
  • Rivoluzione verde e transizione ecologica.
  • Infrastrutture per una mobilità sostenibile.
  • Istruzione e ricerca.
  • Inclusione e coesione.
  • Salute.

Un altro obiettivo del PNRR è la Transizione 5.0 che punta a introdurre processi produttivi più efficienti ed ecologici per le PMI.

Non si può parlare di Transizione 5.0 se non parliamo anche di Formazione 5.0: per poter attuare il cambiamento è necessario che tutti i componenti dell’impresa, dal CEO all’operaio, siano consapevoli dei nuovi processi di produzione e di come funzionano i macchinari e gli strumenti innovativi su cui hanno già investito.

La Transizione 5.0, come accennato dagli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano – Innovazione Digitale nelle PMI (clicca qui per conoscerli meglio), è una doppia transizione che le aziende sono chiamate a fare:

  • Transizione digitale.
  • Transizione ecologica.

Fingenium, l’essenziale per sviluppare grandiosi progetti

Fingenium nasce con l’obiettivo di guidare le PMI nel mondo della Finanza Agevolata. Con un team di professionisti, le imprese vengono sostenute in questo percorso burocratico.

Perché la lettura e la comprensione delle molte normative e delle occasioni proposte dalla Finanza Agevolata non sono semplici.

Fingenium aiuta le aziende a “utilizzare la giusta lettura delle normative affinché la PMI possa sostenere in maniera efficiente i propri investimenti”.

Tre sono i pilastri per le Piccole e Medie Imprese che vogliono contributi:

  • Partire dal progetto e non dal bando – è fondamentale avere un progetto chiaro con degli obiettivi precisi e misurabili. Questo perché ogni azienda è unica così come ogni progetto; trovare il bando o il finanziamento più adatto deve essere il passo successivo e non il punto di partenza.
  • Collaborare con tutti gli attori dell’impresa, sia interni che esterni – il tecnico esperto in finanza agevolata deve capire le esigenze e i punti di vista di ogni singola azienda e lavorare in sinergia con essa. Lo stesso vale per l’azienda che non può semplicemente rivolgersi a un tutor, ma deve condividere il suo progetto.
  • Onestà (o etica) – usare i fondi in modo corretto può portare solo a dei vantaggi. Cercare scorciatoie o cercare di interpretare le leggi non è mai la strada giusta ed è molto rischioso.

Sportello Digitale, la il progetto ingegneristico per la tua azienda

Prenota oggi un appuntamento con lo Sportello Digitale: insieme ai nostri associati troveremo la soluzione più adatta alla tua impresa per crescere e innovare.

Clicca il bottone qui sotto e fissa un appuntamento con uno dei nostri ingegneri.